Progetto Incontrarsi

La natura che ispira l’espressione artistica e il movimento

Da circa tre anni l’Associazione Arte in Tasca porta avanti il Progetto Incontrarsi. Le premesse etiche, artistiche ed educative si riuniscono sotto la parola incontro. Incontro tra persone, senza differenze o discriminazioni alcune. Promuovendo e incentivando lo stare tutti insieme, nonostante le diversità e grazie alle diversità stesse. Incontro con il colore e la materia, alla ricerca di altre possibilità espressive; per riportare il piacere della pratica artistica vicino alle persone perchè l’esperienza artistica è prima di tutto un’esperienza umana. Incontro con se stessi, i propri limiti e le proprie caratteristiche, considerandoli come un valore aggiunto, capaci di arricchire il gruppo. Il Progetto Incontrarsi tre anni fa è nato rivolto alle persone con disabilità e nel tempo si è fatto chiaro il pensiero che il progetto è rivolto a tutte le persone, garantendone l’accessibilità a tutti.

Inclusione e integrazione, ovvero la capacità di stare tutti insieme.

Dal 21 al 27 Agosto e dal 28 al 03 Settembre 2016

L’équipe di Arte in Tasca composta da Antonella e Norma, le educatrici e Federica, l’arte terapeuta, vi propone l’OASI dei COLORI, un campo estivo per ragazzi dagli 11 ai 16 anni. Ispirati dalla Riserva Naturale di Baggero (Co) il leit motiv della vacanza è la natura che ispira l’espressione artistica e il movimento. Arteterapia, musicalità, osservazione della natura, orientering, sono alcune delle attività proposte cui non manca una programmazione ludica e ricreativa. Ecco alcune foto delle esperienze passate

Vi invitiamo a contattarci per maggiori informazioni. Le iscrizioni sono aperte sino a Maggio

info@arteintasca.comNorma Linea 339 3162942

 

Annunci
Pubblicato in 1

Decorazioni di Natale

P1100452P1100459P1100451 - Copia

P1100460

Pubblicato in 1 | Lascia un commento

WAITING TO GO – Le parole non si arrestano

DSCN0772Martedì 28 aprile, ore 20:30, al Teatro Carcano di Milano (C.so di Porta Romana) andrà in scena WAITING TO GO, opera liberamente tratta da ASPETTANDO GODOT di Samuel Beckett.

Lo spettacolo, per la regia di Riccardo Mallus, è frutto di un progetto nato lo scorso anno all’interno della II Casa di Reclusione di Bollate, grazie al gemellaggio del Laboratorio di Poesia con l’Associazione Arte In Tasca. Protagonisti in scena 14 detenuti, donne e uomini, accompagnati da un quintetto dell’Orchestra a plettro “Mandolinisti Bustesi”.

L’attesa, tema centrale nella commedia di Beckett, è parte imprescindibile della vita quotidiana di ogni detenuto e non è un caso se proprio Aspettando Godot, nel 1957, venne rappresentato nel carcere di San Quintin a San Francisco con un risultato inaspettato. Nonostante l’obiettiva difficoltà dell’opera i 1.400 detenuti capirono il messaggio.

In Waiting To Go, gli attori, oltre ad interpretare alcune scene di Godot, reciteranno le loro poesie, che bene si sono adattate al testo di Samuel Beckett.

Il progetto, che vede l’alternanza tra lavoro individuale e di gruppo attraverso l’esplorazione delle diverse forme artistiche, ha come obiettivo quello di lanciare un messaggio: Godot non arriverà ma nonostante ciò è necessario affrontare la vita. Le donne e gli uomini che hanno scelto di intraprendere questo cammino tra poesia e teatro sono la dimostrazione che è possibile dare una svolta alla propria esistenza. Un messaggio valido anche per la società esterna: anche tra le grigie mura di un carcere può fiorire il bello.

Waiting To Go
Teatro Carcano
Corso di Porta Romana
ore 20:30

Pubblicato in 1 | Lascia un commento

MusicaParole

Poesia, Teatro e Musica

Sabato 6 dicembre 2014 alle ore 20:00, al Teatro In-Stabile della Seconda Casa di Reclusione di Bollate andrà in scena lo spettacolo MUSICAPAROLE, realizzato grazie al progetto che ha visto il gemellaggio tra il Laboratorio di Poesia e Arte In Tasca oltre alla collaborazione dell’Orchestra a plettro Mandolinisti Bustesi, diretta da Alberto Tovaglieri.

Il progetto ha ricevuto l’offerta di ospitalità per una serata di rappresentazione al Teatro Carcano di Milano il 28 Aprile 2015. Collaborazione e sponsorizzazione avviata, nel 2013 con lo spettacolo Teatro in Pentola, e confermata oggi sia dal Teatro Carcano che dalla Fondazione Cariplo.

volantino teatroAiT

Il progetto di Musicaparole prevede l’esplorazione e lo sviluppo della creatività attraverso linguaggi artistici diversi: la musica, la poesia e il teatro. L’obiettivo è la comprensione del valore comunicativo ed espressivo del linguaggio artistico attraverso la scoperta delle proprie capacità creative, ritmiche, gestuali e corporee.
L’attività si sviluppa intersecando continuamente il lavoro individuale e quello di gruppo.
Le musiche dell’orchestra saranno alternate dalla drammatizzazione di una serie di poesie scritte dai partecipanti al Laboratorio (uomini e donne) che hanno aderito al progetto.

L’allestimento scenico è a cura di Monica Fantoni in collaborazione con Donatella De Clemente e Carolina De Sapia. Elaborazione dei testi a cura di Maddalena Capalbi, Anna Maria Carpi e Paolo Barbieri. Documentazione video fotografica di Carla Vegetti.

Pubblicato in 1 | Contrassegnato , , ,

Articolo su l’Avvenire del 09/11/2014 – In dono alle detenute macchine per lavorare la lana

E’ uscito qualche giorno fa questo articolo che parla a tutti i milanesi di un dono ricevuto dal nostro Atelier Impronte, aperto ormai dal 2011 presso la II Casa Circondariale di Milano Bollate.

Pagina 1 di 1

Lo spazio, aperto per le donne detenute, accoglie ed offre materiali diversi in cui speriementare ed imparare diverse tecniche di confezionamento per produrre bigiotteria, piccoli complementi d’arredo e accessori per l’abbigliamento.

Proprio in questi giorni, in regalo le macchine per lavorare la lana che ci serviranno per confezionare tanti caldi accessori, che troverete presso i mercatini natalizi cui parteciperemo.

Per maggiori info, scriveteci!

Pubblicato in 1 | Contrassegnato , ,

Otto incontri con le arti espressive, rivolti alle famiglie e i loro figli

Arte in Tasca si rivolge alle famiglie e i loro figli, proponendo otto incontri con le arti espressive: musica, teatro, arte, contact improvvisation, drammattizazione e ancora, formazione e feste. Vi proponiamo tecniche espressive coinvolgenti, divertenti e facili, condotti da professionisti esperti. L’obbiettivo è dare la possibilità alle famiglie di conoscersi e passare del tempo con i propri figli in maniera diversa dal solito. Durante le attività  genitori e figli alternano momenti di lavoro insieme a fasi in cui lavorano separatamente; questa scelta consente a entrambi di condividere esperienze importanti ed anche di avere spazi di libertà espressiva incondizionata. Al termine di ogni incontro una dolce merenda per tutti!

Gli incontri si svolgono un sabato al mese presso il Centro Baldina di via Forlì 15, Sesto San Giovanni dalle 16:00 alle 18:00. E’ gradita la prenotazione al numero 392 1525582.

volantino-progetto-incontrarsi

L’invito è rivolto a tutte le famiglie, previo colloquio informativo.

Ecco il calendario:

18 ott – ARTE

15 nov – MUSICA

13 dic – FESTA di NATALE

17 gen – TEATRO

21 feb – DRAMMATIZZAZIONE

18 apr – FORMAZIONE

16 mag – ARTE

La quota è di 53€ a nucleo familiare e comprende materiali, merende, quota associativa, assicurazione, la presenza di professionisti e di supporto educativo.

Per prenotazioni e maggiori info telefonare al 392 1525582

Pubblicato in 1 | Contrassegnato ,

Teatro in Pentola, uno spettacolo di teatro al femminile, in scena presso il Carcere di Bollate

“Teatro in pentola”, spettacolo dalle attrici-detenute nel carcere di Bollate. Dodici donne del reparto femminile della II Casa circondariale di Milano Bollate si sono riunite sotto il nome “Voci tra le righe”, così da costituire la prima compagnia teatrale italiana femminile di detenute, potenziando le loro qualità ora di cantanti ora di ballerine ora cartolina teatro in pentola-1di attrici. Un progetto davvero innovativo, ideato e realizzato dalle nostre socie Monica Fantoni e Donatella De Clemente, in collaborazione con Teatro Carcano, Cooperativa Estia, La Contemporanea, Fondazione Cariplo e tanti altri registi, fotografi, coreografi che hanno prestato il loro prezioso contributo.

Teatro in Pentola - progetto di teatro terapia

Teatro in Pentola – progetto di teatro terapia

Lo spettacolo racconta la giornata di un gruppo di cuoche che tenta di salvare dal fallimento il ristorante nel quale lavora: soffocato dai debiti, l’unica possibilità di restare aperto è di essere rilevato da una importante imprenditrice spagnola. Lo chef impone alle cuoche di seguire la sua idea bizzarra: ogni piatto servito sarà accompagnato da un brano teatrale recitato e musicato dalle cuoche, improvvisate attrici, in onore dell’ospite spagnola, che in giovinezza è stata una diva del palcoscenico. Un raffinato menù multietnico ispirato e infarcito da parole declamate, da musica e danza! La giornata che precede la cena dà vita a situazioni paradossali e comiche, tra sughi che bruciano, nozze e funerali, balletti, canzoni, ricordi e amori impossibili. L’attesa è vita, l’esito è mistero. Sono identità femminili costrette a vivere un imprevisto e sconosciuto deragliamento, l’incertezza sulla meta, sospese in un luogo e un tempo di passaggio.
“ Il teatro come incontro, l’incontro a teatro.”

Teatro in Pentola - progetto di teatro terapia

Teatro in Pentola – progetto di teatro terapia

Le attività espressive ed artistiche hanno una ben nota valenza terapeutica e benefica, sul piano relazionale e personale. Fare arte permette di entrare in contatto con la propria creatività e favorisce l’unità psichica e fisica che serve per il benessere personale nella relazione sociale. Una attività di laboratorio teatrale coinvolge il singolo e il gruppo, permettendo un processo di confronto con se stessi e con gli altri al fine di far emergere le dinamiche di relazione tra individualità diverse e l’ambiente circostante.

Il teatro al femminile è stato guidato da Donatella De Clemente e Monica Fantoni, artiste terapeute, Francesco Brandi, consulente regista, Tiziana Cappa, coreografa, Sergio Fantoni, regista, Federica Sandrini, fotografa. Hanno reso possibile il progetto: Direzione II Casa di Reclusione di Bollate-Milano – Cooperativa Estia, LaContemporanea, Teatro Carcano, Fondazione Cariplo- Fondazione Intesa S. Paolo Ringraziamo: Etro , Marni, Carla Montefusco Babato, Janelli e Volpi, Lions Milano, Ambrosiana, Sartoria Angela, Franzoni Filati. Pentole Agnelli.

Pubblicato in 1 | Lascia un commento